Il mistero di Nicolai Medtner. L’uomo che il Novecento ha dimenticato

Chi era Nicolai Medtner? Un grande della musica del Novecento. Dimenticato.
Luigi Ferrari ha scritto un romanzo, Triade minore (Ponte alle Grazie) per riscattarlo.
Lo intervisto su “Il Venerdì di Repubblica”.

ferrari_venerdì

Annunci

Rosetta Loy, la testimone dei testimoni. Perché il suo ultimo libro è da leggere.

Si intitola semplicemente Cesare l’ultimo libro di Rosetta Loye non poteva essere altrimenti. Un memoir (pubblicato da Einaudi) che la grande scrittrice de Le strade di polvere dedica al critico letterario Cesare Garboli, che è stato a lungo suo compagno fino alla scomparsa nel 2004. Loy ripercorre oggi quella stagione e insieme ci dice perché un grande critico letterario è un faro di civiltà per i tempi bui della Storia.

Loy_venerdì

Il nuovo disco di Elza Soares: «Canto per chi non ha voce»

Su “Il Venerdì di Repubblica” intervisto Elza Soares, decana della musica brasiliana, che con il suo ultimo disco Deus é mulher («Dio è donna») segna un ulteriore traguardo in una lunga e appassionata carriera di impegno per i diritti civili, a ritmo di samba e di swing.

elza_venerdì

Lo scrittore che venne dal freddo. Vita (e passioni) di Giorgio Scerbanenco

Con la saga di Duca Lamberti è stato il primo grande autore italiano di noir, anche se era nato a Kiev. Ma Giorgio Scerbanenco (1911-1969) è stato innanzitutto un grande giornalista e uno scrittore che ha innovato la letteratura popolare nel nostro paese, sperimentando, con una produzione immensa, tutti i generi che oggi sono considerati “di consumo”. La figlia, Cecilia Scerbanenco, ne racconta ora la breve, intensissima vita in Il fabbricante di storie (La Nave di Teseo), una biografia piena di notizie e rivelazioni.
L’editore comincia inoltre la pubblicazione di una serie di romanzi inediti o spariti dalla circolazione.
La intervisto su “Il Venerdì di Repubblica”.

scerbanenco1

scerbanenco2.jpg

Fulvio Roiter, il mondo in uno scatto

Storia e storie di un grande fotografo, il veneziano Fulvio Roiter (1926-2016), attraverso i ricordi della moglie, la fotografa belga Lou Embo. Noto per essere il ritrattista della sua città, in realtà Roiter ha girato il mondo fotografando per sessant’anni gli angoli più remoti del pianeta, dall’Asia al Brasile.
Su “Il Venerdì di Repubblica”

roiter1

roiter2

Tonino Guerra: le molte vite di un grande poeta (in due volumi imperdibili)

Sotto il titolo di L’infanzia del mondo, Bompiani pubblica le Opere di Tonino Guerra, conosciuto soprattutto per le sue sceneggiature per Antonioni, Fellini, Rosi e tanti altri registi. Ma Guerra (1920-2012) era innanzitutto un grande poeta e un narratore alla ricerca di un modo personalissimo di raccontare la sua terra, la Romagna, e terre lontane, come la Russia, a cui dedica pagine bellissime.
Ne parlo su “Il Venerdì di Repubblica”.

guerra_venerdì