Etichettato: Corinthians

Mondiali 2014, una corsa contro il tempo

Non esiste ancora ma ha già il suo bel soprannome: è il futuro stadio della squadra paulistana del Corinthians, progettato per sorgere nel quartiere di Itaquera e dunque, sulle labbra dei tifosi e non solo, già ribattezzato Itaquerao. Ed è anche un bel progetto, firmato dallo studio di architettura e ingegneria Werner Sobek. Nei sogni del comitato organizzativo dei Mondiali 2014 sarà lo stadio che aprirà il torneo, visto che a suo tempo la candidatura di San Paolo come città di apertura era naufragata a causa dello stadio Morumbì, il più celebre della città ma anche il più inadeguato. Il problema è che l’Itaquerao (costo previsto 650 milioni di Reais, 300 milioni di Euro), non esiste ancora: i lavori dovevano iniziare questo mese, ma pochi giorni fa sono stati spostati al prossimo maggio. 
In Brasile, la corsa ai Mondiali sta prendendo velocità, non senza alcune preoccupazioni, poiché non solo alcuni stadi non esistono o non sono ancora pronti (il Maracana, per esempio, è in piena ristrutturazione), ma secondo un recente studio dell’Ipea, Istituto di ricerca economica applicata (un ente governativo) nove dei quattordici aeroporti coinvolti non saranno pronti per sopportare il carico di passeggeri, e tra questi ci sono quelli di città importanti come Manaus, Brasilia, Salvador e lo stesso aereoporto internazione di San Paolo, Guarulhos. La questione si delinea come un conflitto tra agenzie statali, dal momento che l’Ipea, per i ritardi, critica l’Infraereo, l’ente che gestisce gli aeroporti, mentre quest’ultima punta il dito contro la lentezza del flusso degli investimenti che in parte giungono dallo Stato.
(Nella foto, il progetto del nuovo stadio)

Annunci