Categoria: Musica

Il mistero di Nicolai Medtner. L’uomo che il Novecento ha dimenticato

Chi era Nicolai Medtner? Un grande della musica del Novecento. Dimenticato.
Luigi Ferrari ha scritto un romanzo, Triade minore (Ponte alle Grazie) per riscattarlo.
Lo intervisto su “Il Venerdì di Repubblica”.

ferrari_venerdì

Annunci

Il nuovo disco di Elza Soares: «Canto per chi non ha voce»

Su “Il Venerdì di Repubblica” intervisto Elza Soares, decana della musica brasiliana, che con il suo ultimo disco Deus é mulher («Dio è donna») segna un ulteriore traguardo in una lunga e appassionata carriera di impegno per i diritti civili, a ritmo di samba e di swing.

elza_venerdì

Stefano Bollani: «Il mio gruppo brasiliano? Un tappeto volante».

Sul “Venerdì di Repubblica” intervisto Stefano Bollani in occasione dell’uscita del suo nuovo disco, Que bom, che segna il ritorno in Brasile a dieci anni dal successo di Carioca.
Ospiti d’eccezione, oltre agli stessi musicisti di Carioca, questa volta sono Caetano Veloso, Joao Bosco, Hamilton de Hollanda e Jaques Morelembaum e altri.bolla1_venerdì

bolla2_venerdì

Pascal Quignard, l’intreccio incantato tra musica e scrittura

Su “Il Venerdì di Repubblica” di questa settimana parlo di Pascal Quignard, autore di un romanzo bellissimo, Tutte le mattine del mondo (da cui è stato tratto il famoso film con Gerard Depardieu) che torna in libreria in Italia grazie al piccolo editore di Asti, Analogon, che riedita ed edita per la prima volta diversi romanzi e saggi dello scrittore e musicista: sta per uscire di nuovo (lo aveva pubblicato Frassinelli molti anni fa), un altro bel romanzo: Le scale di Chambord. Ne usciranno altri nei prossimi mesi.

quignard_venerdì

Franco Piersanti: «La musica da film? Stupire con la semplicità».

La sua musica della serie tv del Commissario Montalbano è notissima, ma lui è un artigiano schivo che pure ha scritto più di cento colonne sonore. Franco Piersanti è senza dubbio uno dei più bravi e prolifici autori italiani di colonne sonore, ha firmato i primi film di Nanni Moretti (fino a Sogni d’oro e poi ha ripreso dal Caimano), lunghissimo il suo sodalizio con Gianni Amelio (suo capolavoro Porte Aperte), e ha collaborato con Daniele Luchetti, Margarethe Von Trotta, Marco Tullio Giordana, Ermanno Olmi, Bernardo Bertolucci, Alberto Sironi, Carlo Lizzani e tanti altri.
In questa intervista per “Il Venerdì” svela i segreti del suo lavoro.
Leggila qui

piersanti1_bassa

piersanti2