Categoria: Cultura

Valentino Bompiani: l’uomo che volle trasformarsi in un libro (e ci riuscì).

Sul Venerdì di Repubblica traccio un profilo di Valentino Bompiani (1898-1992) nei novant’anni della casa editrice che porta il suo nome. La fondò infatti a Milano nel 1929. Una storia di cultura, impegno e grandi sodalizi, ma non mancano gli episodi avventurosi. Con interviste alla figlia (e editrice) Ginevra Bompiani e l’ultimo dei suoi grandi autori, Raffaele La Capria, che dice: «E’ stato come un padre»

bompiani

Annunci

Ercole Patti, la scrittura come sguardo. Il ritorno di un narratore appartato

Tra i grandi scrittori del Novecento italiano, Ercole Patti (1903-1976) è certamente uno tra quelli da riscoprire. L’occasione arriva ora grazie al volume di Tutte le opere che La Nave di Teseo manda in libreria: per scoprire alcuni tra i suoi bei romanzi siciliani, come La cugina e Giovannino, ma anche le memorie di Diario Siciliano e Roma amara e dolce, e poi le cronache, la critica cinematografica, i racconti.
Ne parlo su “Il Venerdì di Repubblica”

patti1

Il fattore Graham Greene: vita, passioni, storie e fantasmi di un grande scrittore

L’editore Sellerio comincia la ripubblicazione dei maggiori romanzi di Graham Greene: la serie si apre con Il console onorario, scritto dall’autore inglese all’inizio degli anni Settanta: romanzo che riassume perfettamente i temi e lo stile di uno dei maggiori scrittori del Novecento. Ne parlo su “Il Venerdì di Repubblica”.
Leggilo qui 

 

graham1

graham2

Clarice Lispector, viaggio alle origini dell’ispirazione (e della scrittura)

Un soffio di vita, che Adelphi manda in libreria nella traduzione di Roberto Francavilla, è il romanzo postumo della scrittrice Clarice Lispector, una delle maggiori voci brasiliane del Novecento, figlia di immigrati ebrei ucraini. Romanzo in forma di riflessione sulla scrittura e sull’ispirazione, è un ulteriore esempio della lucente lingua poetica della scrittrice. Ne parlo su Il Venerdì di Repubblica.

clarice

Savatteri: i miei personaggi non rassegnati al luogo comune

Si intitola Il delitto di Kolymbetra (Sellerio) la nuova commedia in giallo di Gaetano Savatteri, con la coppia di investigatori (per caso) Lamanna e Piccionello. Nell’intervista su “Il Venerdì di Repubblica” parliamo di Sicilia, dell’ombra del Gattopardo, di Leonardo Sciascia, di Andrea Camilleri e di una galleria letteraria da cui è difficile fuggire.

savatteri_venerdì