Susan Sontag sotto il vulcano, ovvero il romanzo come travestimento

Anche in un romanzo storico fluviale e ricco come L’amante del vulcano, che torna in libreria per l’editore Nottetempo, l’americana Susan Sontag non abbandonava del tutto la sua passione saggistica. Di fatto, il romanzo uscito nel 1992 rientra nel genere del romanzo-saggio, che aveva visto in quel periodo un esempio di grande successo ne L’immortalità del ceco Milan Kundera. Qui la Sontag usa una vicenda ambientata nel finale del Settecento, tra Napoli e Inghilterra, per indagare la figura di Sir William Hamilton, ambasciatore, collezionista e archeologo, ma soprattutto le sue due mogli, scrivendo così un saggio sulla condizione femminile, sul potere, sul ruolo sociale e storico della cultura.
Ne parlo su “Il Venerdì di Repubblica”

Sontag

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...